Laura Boldrini: “la politica deve tornare a essere più concreta. Sappiamo quello che i cittadini hanno a cuore”

In una lunga intervista alla Repubblica, la presidente della Camera, Laura Boldrini, ha dichiarato che “non abbiamo ancora cambiato passo, non c’è stata una analisi adeguata della vittoria del No al referendum costituzionale di un mese fa. È stata archiviata un po’ troppo velocemente questa pratica. I cittadini italiani hanno chiesto nuove politiche su quello che gli sta più a cuore: lavoro, welfare, meno burocrazia, più servizi, certezza dei diritti. Non bastano bonus temporanei. I dati del voto dei giovani e del Sud lo dicono chiaramente”.

Secondo la Boldrini il fatto che le persone si siano allontanate dalla politica è perché ci si concentra troppo sulle questioni interne al ceto politico, mentre intorno aumentano diseguaglianza e povertà. Rabbia e intolleranza, secondo la presidente, si sedimentano soprattutto nelle periferie.

E sul reddito di cittadinanza dice “Ci vuole un reddito di dignità, che dovrebbe essere europeo, mirato alle categorie più bisognose. Sarebbe uno strumento di cittadinanza europea, cambierebbe la percezione dell’Unione: l’Europa continente dei diritti che non lascia nessuno indietro”.